Chi Siamo

 

La nostra Mission

Il lavoro della ceramica possiede in sè un grande potenziale educativo e di- dattico, a prescindere dal livello scolastico raggiunto dagli alunni che vivono questa esperienza.

Manipolare la materia plastica permette infatti di immergersi in un intenso mondo di esperienze sensoriali, emotive, espressive e creative. Il lavoro manuale consente di esplorare e scoprire le proprie capacità creative con un approccio all’apprendimento attraverso il fare e il movimento cinestesico.

Nello svolgimento dell’attività, lavorare la ceramica permette di favorire la concentrazione, il lavoro personale, la lentezza, la precisione oltre a promuo vere la libera scelta e la creatività. Attraverso la manipolazione della creta (guidata e libera), si contribuisce allo sviluppo della percezione tattile e visiva, della coordinazione oculo-manuale e della motricità fine, soprattutto negli alunni più piccoli; lo sviluppo delle ca pacità logiche di classificazione e seriazione, la comprensione di forma, peso e consistenza; l’interiorizzazione delle principali nozioni topologiche. Sotto il profilo della cooperazione e della condivisione, senza dubbio lavo rando in piccoli gruppi i bambini e i ragazzi vengono stimolati dai compagni a superare i problemi tecnici: i suggerimenti di un compagno sono sempre accettati, mentre i fanciulli, confrontandosi, percepiscono anche le qualità estetiche dei loro lavori, ammirano e si entusiasmano per le realizzazioni ben riuscite.

Nascono osservazioni sulle proporzioni degli oggetti, sulla forma, sulla corrispondenza del prodotto all’intenzione originaria, in un momento dove l’unico elemento di competizione è la sfida a produrre qualcosa di af fascinante e molto personale. Da non sottovalutare un ulteriore aspetto: pur fornendo competenze e stru menti di base, specifiche regole di esecuzione, il percorso permette ai bambini l’acquisizione di uno stile individuale, un proprio modello operativo:

...non è importante il finito, ma il percorso che il bambino fa per arrivare alla conoscenza.

Antonio Montanile

Cosa vogliamo trasmettere

addentrandoci nello specifico delle principali discipline scolastiche, il valore didattico della conoscenza e della lavorazione della ceramica può essere cosi riassunto:

nelle materie scientifiche:

  • conoscenza ed individuazione delle figure geometriche
  • conoscenza ed applicazione di principi chimici
  • conoscenza della consistenza e della composizione dei materiali utilizzati
  •  conoscenza ed approfondimento del concetto di temperatura, di passaggio di stato (trasformazione dei materiali di partenza, cottura, manipolazione, mescolamento dell’argilla con sostanze liquide, ecc)
  • approfondimento dei concetti di dimensione e proporzione

in ambito storico:

  • conoscenza ed approfondimento di un’arte tipica del territorio
  • conoscenza e valore storico di questa particolare forma d’arte
  • conoscenza delle origini e della diffusione dell’arte della ceramica, con
  • particolare riguardo al suo sviluppo nella nostra regione

in ambito geologico/geografico:

  • conoscenza e collocazione delle componenti necessarie alla
  • trasformazione dell’argilla in ceramica, e delle varie provenienze (terreno, fiumi, ecc..)

in ambito artistico:

  • apprendimento delle basi per la realizzazione di manufatti in ceramica pittura
  • utilizzo della manipolazione come strumento creativo
  • osservazione diretta, accompagnata da spiegazione dettagliata dei vari passaggi della creazione di un oggetto al tornio
  • partecipazione attiva alla creazione di un oggetto partendo da una base di argilla
  • conoscenza ed utilizzo di colori, pennelli, pittura.

Laboratorio Artistico Didattico L'Artigiano

Via Caprarelle 27, 80031, Brusciano (Na).
Tel. 081.886.33.00 - Tel. 081.001.25.58
Whatsapp: 338.599.77.60

Log in

fb iconLog in with Facebook
create an account